Regione: Veneto
Zona: Padova
Comune: Padova
Probabile origine: XII secolo
Strutture originarie: Si
Condizioni: Discrete
Visitabile:
Web: Sito non disponibile

La Porta Altinate o Porta di Ponte Altinà era uno dei quattro accessi "regales" che si aprivano sulle mura comunali di Padova. La porta si innalza sulla prima pila del romano Ponte Altinate - ora non visibile - che attraversa il Naviglio Interno interrato negli anni sessanta dello scorso secolo per lasciare spazio alla via Riviera dei Ponti Romani. La porta ed il ponte (e pure la seguente contrada) traggono il nome da Altino, la città verso cui si dirigeva la strada a cui davano accesso. Ora la porta è un frequentato passaggio pedonale verso la piazza dei Noli, ora Garibaldi.

La costruzione, forse del XII secolo - sono state proposte datazioni più antiche - fu espugnata e data alle fiamme nel 1256 dai crociati che combattevano contro Ezzelino III da Romano (il fatto è ricordato in una lapide di Carlo Leoni) e poi ripristinata nel 1286. La porta è composta da una sorta di arco trionfale innalzato in pietra - l'arcata esterna è decorata ad imitazioni degli accessi antichi - sovrastato da un torrione in cotto, ora privo della parte superiore, scomparsa già nel XVII secolo. Sotto la porta, sulla destra, sta il Monumento ad Alvise Pisani che fu Capitano di Padova dal 1686 al 1687 e poi Doge della Repubblica di Venezia; il monumento in stile barocco fu commissionato dal Collegio degli Studenti Artisti dello Studio Patavino (da notare il leone marciano scalpellato in età napoleonica). Le mura che si dipanano ai lati sono i brevi tratti della cinta comunale risparmiati dalle demolizioni attuate tra gli anni sessanta e settanta del Novecento.

Continua a leggere su: Wikipedia

Documento a cura di : redazione